All Posts tagged cefalea

“IL MAL DI TESTA INDUCE DISABILITA’”

“IL MAL DI TESTA INDUCE DISABILITA’”

 ”IL MAL DI TESTA  E’ UNA MALATTIA DISCONOSCIUTA”

 CHI L’HA DETTO?  L’HA DETTO WORLD HEALTH ORGANIZATION

CHI E’  LA WORLD HEALTH ORGANIZATION?  E’ l’Organizzazione Mondiale della Sanità

 

1. WHO/Europe |  Headaches common but neglected

 

e stabilisce anche che in Europa non siamo certo in brillanti condizioni per quanto riguarda  , da una parte la grande frequenza di questa malattia, dall’altra gli ostacoli alla cura ed alla prevenzione della cefalea . In effetti la “cefalea forte”  risulta essere nettamente disabilitante a livello lavorativo e sociale ..

9 mag 2011 – “In the WHO European Region, 80% of adults (aged 18–65) have suffered from tension-type headache, and 15% have experienced migraine over the previous year, according to the “Atlas of headache disorders and resources in the world 2011” by WHO and Lifting the Burden….”

In sunto in Europa il 95% della popolazione conosce la cefalea, il 15% sperimenta forti attacchi di emicrania e circa il 4%  soffre per disabilitante forma cronica ; queste notizie sono pubblicate nel 2011 con la pubblicazione del libro “Atlas of Headache Disorders and Resources in the World 2011

 

Il testo  fornisce i pesanti dati numerici  , invita ad operare la prevenzione prima che la patologia diventi palese ed evidente,  invita a  operare giusti controlli e cure, a pensare quanto grave sia il costo di questa patologia , che, aggiungiamo noi , ha un costo umano e personale altissimo , costo che poi andrà ad aggravare la spesa sociale .

Despite that headache is felt at some time by nearly everybody, and almost half the world’s adults at any one time have recent personal experience of one or more of the three very common headache disorders, much is unknown about the public-health impact of these conditions. It is not known how, or how much, they affect many of the populations of the world, or how healthcare and other resources are utilized to mitigate their effects. This first global enquiry into these matters illuminates the worldwide neglect of a major public-health problem, and reveals the inadequacies of responses to it in countries throughout the world. The Atlas of Headache Disorders presents data acquired by WHO in collaboration with Lifting The Burden: the Global Campaign against Headache. Most of the information was collected in a questionnaire survey of neurologists, general practitioners and patients’ representatives from 101 countries, performed from October 2006 until March 2009. Epidemiological data were compiled from published studies through a systematic review, and supplemented by data gathered in population-based studies undertaken within the Global Campaign.” –Publisher website

  • Il testo insiste su quanto trascurata sia questa malattia, perchè E’ UNA MALATTIA .
  • Introduction. Headache disorders
  • Epidemiology and burden
  • Barriers to care
  • Purpose of the atlas of headache disorders
  • Methods. Questionnaire development

In questo testo dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità si evidenzia un argomento molto interessante – Le  barriere che si erigono contro le corrette cure della cefalea , incluso il “MAL DI TESTA FORTE” , di cui appare evidente la limitazione imposta a livello produttivo , sociale e affettivo

MA c’ e da dire ancora,  e non è cosa da poco,  che …

  

2. “Il MAL DI TESTA  E’ LA TERZA CAUSA DI DISABILITA’ LAVORATIVA SOCIALE NEL MONDO”

 

CHI L’HA DETTO?    IL GLOBAL BURDEN OF DISEASE

 

The Global Burden of Disease Study (GBD) is the most comprehensive worldwide observational epidemiological study to date. It describes mortality and morbidity from major diseases, injuries and risk factors to health at global, national and regional levels. Examining trends from 1990 to the present and making comparisons across populations enables understanding of the changing health challenges facing people across the world in the 21st century.”

 

Con il termine Global Burden of Disease (GBD) si intende l’organo preposto alla  valutazione dell’effetto che  le patologie hanno sulla popolazione mondiale

 

2. “Headache is the third leading cause of disability in the world”

Three years ago, the medical journal Lancet published the third Global Burden of Disease (GBD) study (GBD 2010). We wrote then of the political significance, and promise, of this report for people with headache. Migraine, an under-recognised, under-treated headache disorder affecting one in six adults, was according to this authoritative study the seventh highest cause of disability worldwide. Policy-makers must surely take note.

Recently there was more, of even greater importance, from GBD2013. Published again in Lancet, its findings on headache were threefold: migraine is now the sixth highest cause of disability worldwide; medication-overuse headache (MOH), included in GBD for the first time, enters the top twenty causes at 18th; headache disorders together are the third cause of disability worldwide (see Table).

Migraine (6th) and medication-overuse headache (18th) together account for 38,744,000 YLDs, putting headache disorders collectively in 3rd place.

Dalla tabella appare evidente che il mal di testa  è più disabilitante  del diabete  e di molti problemi psichiatrici considerati  quasi o completamente incompatibili con una vita lavorativa, peggio di problemi dell’artrite e di altri problemi osteo-tendinei , e di importanti problemi di vista.

2. Headache disorders are third cause of disability worldwide

Timothy J. SteinerGretchen L. BirbeckRigmor H. JensenZaza KatsaravaLars J. Stovner, and Paolo Martelletti

J Headache Pain. 2015; 16: 58.

J Headache Pain. 2016; 17(1): 104.

Published online 2016 Nov 14. doi:  10.1186/s10194-016-0699-5

GBD 2015: migraine is the third cause of disability in under 50s

Timothy J. Steiner,1,2 Lars J. Stovner,1,3 and Theo Vos4

Headache is the third leading cause of disability in the world

Three years ago, the medical journal Lancet published the third Global Burden of Disease (GBD) study (GBD 2010). We wrote then of the political significance, and promise, of this report for people with headache. Migraine, an under-recognised, under-treated headache disorder affecting one in six adults, was according to this authoritative study the seventh highest cause of disability worldwide. Policy-makers must surely take note.

Recently there was more, of even greater importance, from GBD2013. Published again in Lancet, its findings on headache were threefold: migraine is now the sixth highest cause of disability worldwide; medication-overuse headache (MOH), included in GBD for the first time, enters the top twenty causes at 18th; headache disorders together are the third cause of disability worldwide (see Table).

 

In sostanza Thimoty Steinert e i suoi collaboratori , nel 2015, vagliano studi e statistiche  che riguardano la frequenza del mal di testa senza star ad evidenziare se si tratti di forme che vengono definite dalle strutture sanitarie come “forti” o “meno forti” . Ne emerge che nel periodo che va da 2011 al 2015 la cefalea si piazza al terzo posto tra tutte le malattie che inducono disabilità, quindi va a pari livello , per disabilità sociale e lavorativa con malattie che risultano essere molto più d’impatto sull’opinione popolare, sulla sensibilità dei comuni cittadini quali il diabete, pesanti condizioni psichiatriche, patologie , osteoartrite, deficit di udito e problemi di vista mal correggibili .

DATI ISTAT DEL 2005  rilevati da 60.000 famiglie italiane rilevavano che il mal di testa cronico era presente nel 10,4 della popolazione maschile e nel 4.7 della popolazione femminile .

Ribaltando così il dato presunto del mal di testa come problema al femminile ma ribadendone il peso economico per l’individuo e per il paese

MA…

…c’ è  anche da aggiungere che il mal di testa forte e frequente,  taglia le aspettative di inserimento nello studio  nel  lavoro ai giovani e negli adolescenti che non sono computati come forza lavorativa  , quindi non considerati in questi studi.

Questa è una grandissima pregiudiziale sul futuro del singolo individuo e della società.

E’ dall’ inizio degli anni 2000 che il nostro gruppo ha cercato di  attrarre l’attenzione del mondo scientifico su coloro che storicamente non hanno voce, cioè i giovanissimi, gli adolescenti  sottolineando come il numero dei mal di testa cronici disabilitanti stesse crescendo a dismisura

Nicolodi M , Sicuteri F, Torrini A. Prevalence and features of chronic migraine in children in the period 1993-1995 versus the period 2001-2003, claim for aid (La numerosità dei soggetti con cefalea cronica infanto-giovanile nel periodo 1993-1995 confrontata a quella del periodo 2001-2003:una richiesta d’aiuto) . J Headache and Pain , 2004

L’aiuto che chiedevamo era soprattutto mirato all’ abbattere le barriere che si erigono  contro la corretta diagnosi e terapia che restano un argomento cruciale ad oggi trattato nell’ “Atlas of Headache a Neglected Disease”

 

  • Introduction. Headache disorders
  • Epidemiology and burden
  • Barriers to care
  • Purpose of the atlas of headache disorders
  • Methods. Questionnaire development

 

Pharmacotherapy. 2004 May;24(5):638-48.

Migraine headache misconceptions: barriers to effective care.

Wenzel R1Dortch MCady RLofland JHDiamond S.

Author information

Abstract

Migraine headaches affect 12% of the adult population in the United States and cause a significant economic loss due to decreased workplace productivity Although interactions between pharmacists and individuals with headache are common, few pharmacists receive adequate training regarding migraine therapy. We refute several hinder effective care,  it is assumd  that migraine is a vascular disease, sinus and tension headaches are prevalent, and migraine is a minor economic problem. Our pathophysiologic understanding demonstrates that migraine is a neurologic process , of which vascular effects are secondary. This process can result in a myriad of clinical signs and symptoms, often leading to a misdiagnosis of sinus or tension headache……

Utilizziamo le parole di Wenzel per dire che  in USA si fa tanta confusione tra sinusite e vera cefalea, se in USA si resta a pensare che la cefalea ha un meccanismo vascolare come diceva wolff  prima della seconda Guerra mondiale mentre ora si sa che si deve parlar di neuroni , da noi non va certo meglio  . Di certo però in ambedue le aree del mondo questo porta solo a spendere inutilmente soldi e a perdere salute .

Avevamo precedentemente condotto un’osservazione insieme al Dipartimento di Scienze dell’ Università di Firenze, a mezzo di questionari ,  osservazione che aveva portato a concludere che i “media” a metà degli anni ’90  non erano riusciti a produrre adeguata divulgazione circa il corretto approccio alla diagnosi e alla terapia del mal di testa, né forte , né di media severità

La “comunicazione mediale” nemmeno era riuscita a far passare un messaggio circa il meccanismo che genera il mal di testa ed il fatto che il mal di testa è un problema maggiore nella vita economica di molti individui ,  quindi nella vita del paese .

Il fatto che sia stato pubblicato un Atlas che si intitola “HEADACHE A NEGLECTED DISEASENON HA MOSSO LO STATO DELLE COSE PIU’ DI TANTO .

Questo negligere, disconoscere l’importanza e l’impatto della cefalea forte o frequente sulla spesa individuale e sulla spesa sociale conduce al risultato , poco augurabile, di far frantumare l’attenzione contro una miriade di segni e sintomi che vengono utilizzati come unici segni per la diagnosi , con il risultato che una diagnosi di cefale viene svilita in mille diagnosi e mis-diagnosi .

Nicolodi M, Sicuteri F, . Media and headache: the partial flop of national medical media information. Funct. Neurol (11) 2/3: 119-120, 1996.

Resta ad oggi il fatto che  veniamo spesso interpellati da persone che hanno perduta ogni speranza di  terapia curativa che riesca almeno a controllare il loro dolore per permettere una vita  “ quasi normale a livello lavorativo e di studio, sociale, e affettivo. Questi sofferenti, ormai convinti di aver fatto tutte le cure possibili ci chiedono solo cosa resta loro da fare a livello legale per avere qualche riconoscimento o emolumento .

Di seguito elenchiamo tutto quanto possibile sino a questa data 2018 :

- deve essere il medico curante a valutare se la cefalea o l’emicrania sono così intense da risultare incompatibili con l’attività lavorativa;

-  inoltre, in determinati casi, il medico può anche valutare l’opportunità di fare domanda perché ti sia riconosciuta l’invalidità. Il paziente dovrà documentare con ricette, documenti di ricovero, etc

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di fare chiarezza  …

- Cefalea: che cos’è ?

La cefalea primaria, pur non essendo una patologia che causa morte o deficit neurologici, può manifestarsi comunque in una forma talmente grave da compromettere seriamente la qualità della vita del malato in ambito familiare, lavorativo e sociale. .

A tal proposito, il servizio sanitario della Lombardia, prima regione in Italia, ha riconosciuto la valutazione percentuale delle cefalee nell’ambito dell’invalidità civile.

- Emicrania: che cos’è ?

L’emicrania è un tipo di cefalea che presenta delle particolarità. Nel dettaglio, il dolore deve durare tra le 4 e le 72 ore e presentare almeno due delle seguenti quattro caratteristiche:

  • essere localizzato solo da una parte della testa;
  • risultare di tipo pulsante;
  • essere percepito come mediamente o molto intenso;
  • risultare aggravato da attività fisiche di routine come camminare o salire le scale;
  • a queste caratteristiche possono aggiungersi nausea o vomito, fotofobia (fastidio alla luce) e fonofobia (fastidio al rumore).

L’emicrania può essere con o senza aura: quando l’emicrania è con aura, si presentano disturbi visivi, motori, della parola e della sensibilità e motori, solitamente durano tra i 20 e i 60 minuti, per poi lasciare spazio alla comparsa del mal di testa.

Cefalea e emicrania: assenza per malattia

Se hai difficoltà a svolgere la tua attività lavorativa per via dell’emicrania, o del diverso tipo di cefalea, la prima cosa da fare è recarti dal tuo medico curante.

Questi, dopo una visita, sarà in grado di stabilire se la gravità dei tuoi dolori alla testa è tale da essere incompatibile con lo svolgimento della tua attività lavorativa e ad assegnarti i dovuti giorni di riposo. A tal proposito, deve trasmettere telematicamente all’Inps il certificato di malattia e fornirti il numero di protocollo, che dovrai inviare al datore di lavoro.

Cefalea ed emicrania: visita fiscale

Come per tutte le assenze per malattia, in quanto lavoratore dipendente sei tenuto alla reperibilità durante le fasce orarie previste per la visita fiscale:

Generalmente, ci si può allontanare dal proprio domicilio, durante le fasce di reperibilità per la visita fiscale, solo se l’assenza è dovuta all’effettuazione di terapie o visite specialistiche (per le quali si deve comunque avvertire l’azienda e fornire idonea attestazione), oppure se l’assenza è necessitata.

Visto che cefalea ed emicrania, però, a differenza delle ordinarie patologie, possono peggiorare a causa della permanenza in luoghi chiusi, come appunto l’abitazione, non potrai essere sanzionato nel caso in cui ti rechi ad effettuare attività all’aperto, anche di svago, durante il periodo di malattia: è quanto affermato da una recente sentenza della Cassazione [1]. La disposizione, in particolare, chiarisce che, per determinate patologie, le attività ludiche all’aperto non compromettono la guarigione ma possono, al contrario, aiutarla. Per questo motivo, non è meritevole di sanzione il lavoratore assente per malattia che effettua attività di svago, se la patologia trae giovamento dalle attività stesse. Basta che l’indicazione allo svolgere un certo tipo di attività all’aperto, che ovviamente no potrà esser la corsa per l’emicrania etc, sia attestata dallo specialista .

Cefalea e invalidità

Per quanto riguarda il riconoscimento dell’invalidità a causa della cefalea, come già esposto , questo è possibile non solo quando la cefalea è la conseguenza di un’altra patologia (quindi nel caso in cui, in parole semplici, l’invalidità sia riconosciuta per la malattia che causa il mal di testa), ma anche quando si tratta di cefalea primaria cioè di mal di testa

  • dallo 0 al 15%, per forme episodiche a frequenza di attacchi medio-bassa e soddisfacente risposta al trattamento;
  • dal 16 al 30%, per forme episodiche a frequenza di attacchi medio-alta e scarsa risposta al trattamento e forme croniche con risposta parziale al trattamento
  • dal 31 al 46%, per forme croniche refrattarie al trattamento: dal 45% in su, l’invalidità consente di rientrare nelle categorie protette per il lavoro.

Se  esiste ansia o depressione  può essere che il paziente venga prima invitato a “terapizzare” le  2 patologie sovra-menzionate qualora la terapia delle stesse non sia adeguata  e quindi ripetere successivamente la visita .

 

Cefalea ed emicrania: assenza per cure ricorrenti

Se il trattamento della cefalea o dell’emicrania richiede cicli di cura ricorrenti, cioè terapie ambulatoriali alle quali devi sottoporti periodicamente, puoi assentarti, anche in questo caso, per malattia.

Il medico può certificare separatamente ogni ciclo di cura, oppure rilasciare una documentazione unica, che attesti la necessità di terapie ricorrenti: in quest’ipotesi, il trattamento successivo viene qualificato come ricaduta del precedente, proprio come la ricaduta della malattia.

Il certificato medico, nel dettaglio, deve essere inviato all’inizio della terapia, con l’indicazione delle date in cui avverranno le prestazioni; una volta effettuate le cure, la struttura sanitaria deve rilasciare una dichiarazione che ne provi l’esecuzione, diversamente l’assenza non può essere indennizzata.

I giorni che intercorrono tra una cura e la successiva, invece, se non debitamente certificati come malattia non sono indennizzabili.

 

In questo periodo nessuno è stato fermo ad aspettare miracoli, questa Fondazione ha proceduto a una richiesta di referendum nazionale abrogativo sui criteri di stima dl danno in medicina legale, ma non siamo arrivati al quorum in tempo utile – bisogna esser veloci ed aver buoni canali di comunicazione. Non siamo dei politici, ma se qualche sofferente più dotato di strumenti  in tal senso ci aiuta, forse ce la potremmo fare, forse .

 

Altri hanno proposto interrogazioni

- Cos’è un’interrogazione al Ministero?

L’interrogazione parlamentare è la domanda che uno o più parlamentari rivolgono al governo nel suo complesso o a un singolo ministro per essere informati sulla veridicità di un fatto o di una notizia e sui provvedimenti che il Governo intende adottare o ha già adottato in merito.

Il governo ha la facoltà di non rispondere alla singola interrogazione indicando però il motivo.

Una volta ottenuta la risposta l’interrogante può a sua volta replicare per dirsi o meno soddisfatto.

L’interrogazione parlamentare si usa per aver informazioni su questioni che riguardino comportamenti o intenzioni – quindi l’indirizzo politico - del governo

 

Interrogazione al Ministero della Salute in merito all’inserimento della Cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali

Apprendiamo con rinnovata speranza che in data 23/3/2017 le Onorevoli Giuditta Pini e Paola Boldrini hanno presentato alla Camera una Interrogazione a risposta in Commissione Affari Sociali indirizzata al Ministero della Salute per chiedere se il Ministro abbia intenzione di assumere iniziative per inserire la cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali. In attesa di positivi aggiornamenti, pubblichiamo il testo integrale della interrogazione.

 

ATTO CAMERA
INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/10938
Dati di presentazione dell’atto
Legislatura: 17
Seduta di annuncio: 765 del 23/03/2017
Firmatari
Primo firmatario: PINI GIUDITTA 
Gruppo: PARTITO DEMOCRATICO
Data firma: 23/03/2017
Elenco dei co-firmatari dell’atto
Nominativo co-firmatario Gruppo Data firma
BOLDRINI PAOLA PARTITO DEMOCRATICO 23/03/2017

Destinatari
Ministero destinatario:
MINISTERO DELLA SALUTE
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA SALUTE delegato in data 23/03/2017
Stato iter: IN CORSO
Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-10938
presentato da
PINI Giuditta
testo di
Giovedì 23 marzo 2017, seduta n. 765

GIUDITTA PINI e PAOLA BOLDRINI. — Al Ministro della salute . — Per sapere – premesso che: l’Istituto nazionale di statistica (Istat) ha rilevato che tra le malattie croniche più diffuse tra la popolazione, è stata indicata anche la cefalea o l’emicrania, che interessava il 10,5 per cento della popolazione maschile rispetto al 4,7 per cento rilevato nella popolazione femminile, da inserire nelle patologie croniche con maggiore incidenza, quarta solo dopo l’artrosi, l’ipertensione arteriosa e le malattie allergiche; le cefalee e le emicranie hanno un costo sociale ed economico ingente. La cefalea cronica, in particolare, è una malattia invalidante in grado di limitare o compromettere severamente la capacità di far fronte ai propri impegni di famiglia e di lavoro;
sono state recentemente approvati i nuovi livelli essenziali di assistenza, che sono lo strumento fondamentale per definire compiutamente le prestazioni erogabili dal Servizio Sanitario Nazionale; nelle osservazioni prodotte dalla commissione parlamentare competente chiamata a valutare l’Atto Governativo 358 si era inserito anche la richiesta di valutare l’opportunità di inserire la cefalea primaria cronica nell’allegato 8 contenente l’elenco delle malattie e della relative prestazioni sanitarie che hanno diritto all’esenzione dalla partecipazione al costo;
sono depositati in Parlamento dei disegni di legge in entrambe le camere, che richiedono l’inserimento della cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali –: se il Ministro interrogato abbia intenzione di assumere iniziative per inserire la cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali. (5-10938)

Atto della Camera

 

Giuditta PINI (PD). l’Istituto nazionale di statistica (Istat) ha rilevato che tra le malattie croniche più diffuse tra la popolazione, è stata indicata anche la cefalea o l’emicrania, che interessava il… presentato il: 23/03/2017. link alla fonte. ultimo status: 23/03/2017 Camera: MODIFICATO PER COMMISSIONE ASSEGNATARIA.


Riconoscimento della Cefalea Cronica come Malattia Sociale

In data 3 ottobre 2013 è stato presentato al Senato della Repubblica un nuovo disegno di legge, su iniziativa di 16 Senatori, per il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale.

Il disegno di legge mirava ad avere uno stanziamento di danaro per la presa in carico di alcuni tipi di cefalea
DDL N. 1077 del 3 ottobre 2013

Con disegno di legge (ddl), si intende una proposta di legge (pdl), nel diritto, si concreta nello stendere un testo con cui si progetta l’emanazione di un atto normativo. Il testo è proposto da soggetti qualificati , di norma I parlamentari .

 

More

DIETA E CEFALEA

CONTRIBUTI DEI MEMBRI DELLA FONDAZIONE
Nicolodi M, Sicuteri F.Wine and Migraine: Compatibility or incompatibility?
Drugs Exptl. Clin. Res. 1999
Traduzione: Vino ed emicrania: compatibilità o incompatibilità?

Nicolodi M, Torrini A. From NMDA theory of chronic migraine to polyamines dietary implementations . Cephalalgia 29 (1) 38, 2009
Traduzione: Dalla Teoria dell’NMDA dell’emicrania cronica all’implementazione dietetica con poliamine

DALL’ESTERO
e Role of Diet in Migraine
1. Jose L. Medina M.D.1,
2. Seymour Diamond M.D.2
Article first published online: 23 JUN 2005
DOI: 10.1111/j.1526-4610.1978.hed1801031.x
Issue

Headache: The Journal of Head and Face Pain
Volume 18, Issue 1, pages 31–34, March 1978
Additional Information(Show All)
How to CiteAuthor InformationPublication History
SEARCH
Search Scope
Search String
SYNOPSIS
Twenty-four migraineurs were placed on three diets: A, B, and C for 18 weeks. Diet A foods contained tyramine, exclusive of tyramine-free foodstuff. Diet B patients consumed tyramine-freefoods and excluded those containing tyramine. The Diet C group ate and drank ad-lib. The results showed no significant difference in the severity of migraine in any diet; however, some headaches were time-locked to the ingestion of alcohol, chocolate and fasting. These dietary factors probably do not increase the frequency of headaches but may precipitate them earlier. In general, diet appears to be relatively unimportant in migraine.
TRADUZIONE
Ventiquattro emicranici son stati assegnati a 3 diverse diete dette A, B e C per 18 settimane. Nella dieta A , i cibi erano cibi contenenti tiramina. Nella dieta B i pazienti invece consumavano solo cibi assolutamente privi di tiramina. La dieta C consisteva della possibilità di mangiare e bere liberamente secondo i propri desideri. Ne è risultato che non il mutare della dieta non induceva alcuna vera differenza nella severità dell’emicrania, anche se vi potevano essere alcune relazioni temporali con alchol, cioccolata, digiuno. Questi ultimi fattori verosimilmente non aumentavano la frequenza delle cefalee ma le anticipavano . In generale quindi appare che la dieta sia relativamente non importante nell’emicrania

Vi è sempre stato un gran parlare circa alimenti “da evitare” . Come messo in luce dal contributo americano e dal nostro articolo sulla tolleranza a 1 decilitro di vino non si tratta di vera intolleranza ma di anticipazione di un attacco che doveva comunque venire. In altre parole soggetti che fanno uso di alimenti incriminati o che non ne fanno alcuno hanno lo stesso numero e severità d’attacchi.

Ovviamente non si intende qui assolvere gli abusi che son comunque nocivi né si intende disdire la regola che stabilisce come l’alcol , assunto in fase di grappolo , precipiti l’attacco nel cluster. La regola vale per la cluster headache e non è stato provato che in realtà il numero di attacchi aumenti al di là di esser anticipato anche se è verosimile.

Desideriamo piuttosto, una volta stabilito che una dieta monastica non risolve la cefalea , domandarci se esistono degli studi che ci dicono come strutturare una dieta o introdurre complementi dietetici e secondo quale logica.

Le Poliammine. Son composti organici con due o più gruppi amminici, son fra i primissimi composti naturali umani individuati al microscopio – nel 1674- nel liquido seminale umano. Sono fattori di crescita per le cellule.
Hanno grande affinità per il DNA e per gli ioni Ca ++ e Mg ++, tante volte invocati nella patogenesi dell’emicrania.
Cosa ancora più importante specie per le forme croniche del dolore , si è dimostrato che le poliammine hanno la capacità di agire come modulatori davvero potenti a livello dei recettori NMDA coinvolti nel meccanismo della cronicizzazione del dolore.

Non introduciamo direttamente le poliammine ma facciamo si , somministrando sostanze naturali con l’alimentazione, che sia l’organismo stesso, entro le sue capacità , a fabbricarle a livello intestinale.
I risultati son particolarmente buoni anche e proprio su forme decisamente severe

Questo è un modo per utilizzare i complementi dietetici e le capacità del nostro tubo intestinale a favore dell’intero organismo

More

Cefalea a grappolo meccanismi

Dati e Controversie
Cefalea a Grappolo e ruolo dell’ ipotalamo

L’ipotalamo appare quale struttura di fondamentale rilievo nel meccanismo della cefalea a grappolo. In questo quindi estremamente diversa dalle forme emicraniche che vedono un’attivazione del tronco encefalico (brain-stem). L’accordo su questo livello di meccanismo è di notevole spessore sebbene vi sian da ricercare ulteriori elementi. Queste notazioni circa il meccanismo e la genesi son strettamente correlate alle linee terapeutiche che vengono a derivarne e son connesse ai risultati degli studi di farmacologia clinica attuati con principi atti ad intervenire appunto a livello ipotalamico
Dati e lavori personali degli afferenti alla Fondazione Sicuteri-Nicolodi
Nicolodi M. Cefalea a grappolo come triade sindromica ipotalamica. MilanoMedicina – Corso Cefalee, Milano 25-29 novembre 1991, p 14-19
21.Sicuteri F., Nicolodi M. Quasi epileptic foci as generators of central pain and electrical abnormalities in brainstem of migraine sufferers: An hypothesis. Cephalalgia 7 (6) pp 54-56, 1987
.Sicuteri F, Nicolodi M, Poggioni M. The hypothalamic neuroendocrine connection as a new target for the therapy of cluster headache. Cephalalgia 11(11):246-247, 1991
Nicolodi M, Poggioni M, Sicuteri F. The activity of Gn-RH agonist in severe cluster headache is compatible with a defective supraspinal analgesia. The semantic ford of idiopathic headaches, Catania 10-12 ottobre 1991, p 18
Nicolodi M, Sicuteri F, Poggioni M. Hypothalamic modulation of nociception and reproduction in cluster headache – II- Testosterone-induced increase of sexual activity in males with cluster headache. Cephalalgia 13: 258-60, 1993
Nicolodi M, Sicuteri F, Poggioni M. Hypothalamicl modulation of nociception and reproduction in cluster headache -I- Therapeutic trials of leuprolide. Cephalalgia, 13: 253-7, 1993
Nicolodi M. Cefalea a grappolo come triade sindromica ipotalamica. MilanoMedicina – Corso Cefalee, Milano 25-29 novembre 1991, p 14-19

Dall’ Estero

Volume 357, Issue 9261, 31 March 2001, Pages 1016-1017
________________________________________

Research Letters
Brainstem activation specific to migraine headache
A Bahra MRCPa, c, MS Matharu MRCPa, c, C Buchelb, c, RSJ Frackowiak Profb, c, PJ Goadsby ProfDSca, c, ,

Summary
Findings from functional imaging studies have shown activation of the brainstem during migraine without aura (MWOA) and activation of the hypothalamus during cluster headache. We assessed a patient with cluster headache and migraine by positron emission tomography during an active cluster headache after he had taken 1•2 glyceryl trinitate. The patient developed a typical MWOA, during which we saw activation in the dorsal rostral brainstem. There was no activation in the region of the hypothalamus. Our findings provide evidence that migraine involves the brainstem, and show several areas involved in cluster headaches. Our data show the potential for objective distinction between primary headache syndromes with functional imaging, in disorders hitherto distinguished on clinical grounds.

Early Report
Hypothalamic activation in cluster headache attacks
Arne May DrMDa, , , Anish Bahra MRCPa, Christian Büchel MDb, Richard SJ Frackowiak FRCPb, Peter J Goadsby MDa
Summary
Background
Cluster headache, one of the most severe pain syndromes in human beings, is usually described as a vascular headache. However, the striking circadian rhythmicity of this strictly half-sided pain syndrome cannot be readily explained by the vascular hypothesis. We aimed to assess changes in regional cerebral blood flow (rCBF) in patients with cluster headache.
Methods
We used positron emission tomography (PET) to assess the changes in rCBF, as an index of synaptic activity, during nitroglycerin-induced cluster headache attacks in nine patients who had chronic cluster headache. Eight patients who had cluster headache but were not in the bout acted as a control group.
Findings
In the acute pain state, activation was seen in the ipsilateral inferior hypothalamic grey matter, the contralateral ventroposterior thalamus, the anterior cingulate cortex, and bilaterally in the insulae. Activation in the hypothalamus was seen solely in the pain state and was not seen in patients who have cluster headache but were out of the bout.
Interpretation
Our findings establish central nervous system dysfunction in the region of the hypothalamus as the primum movens in the pathophysiology of cluster headache. We suggest that a radical reappraisal of this type of headache is needed and that it should in general terms, be regarded as a neurovascular headache, to give equal weight to the pathological and physiological mechanisms that are at work.

 

More