All posts in Cefalee

“IL MAL DI TESTA INDUCE DISABILITA’”

“IL MAL DI TESTA INDUCE DISABILITA’”

 ”IL MAL DI TESTA  E’ UNA MALATTIA DISCONOSCIUTA”

 CHI L’HA DETTO?  L’HA DETTO WORLD HEALTH ORGANIZATION

CHI E’  LA WORLD HEALTH ORGANIZATION?  E’ l’Organizzazione Mondiale della Sanità

 

1. WHO/Europe |  Headaches common but neglected

 

e stabilisce anche che in Europa non siamo certo in brillanti condizioni per quanto riguarda  , da una parte la grande frequenza di questa malattia, dall’altra gli ostacoli alla cura ed alla prevenzione della cefalea . In effetti la “cefalea forte”  risulta essere nettamente disabilitante a livello lavorativo e sociale ..

9 mag 2011 – “In the WHO European Region, 80% of adults (aged 18–65) have suffered from tension-type headache, and 15% have experienced migraine over the previous year, according to the “Atlas of headache disorders and resources in the world 2011” by WHO and Lifting the Burden….”

In sunto in Europa il 95% della popolazione conosce la cefalea, il 15% sperimenta forti attacchi di emicrania e circa il 4%  soffre per disabilitante forma cronica ; queste notizie sono pubblicate nel 2011 con la pubblicazione del libro “Atlas of Headache Disorders and Resources in the World 2011

 

Il testo  fornisce i pesanti dati numerici  , invita ad operare la prevenzione prima che la patologia diventi palese ed evidente,  invita a  operare giusti controlli e cure, a pensare quanto grave sia il costo di questa patologia , che, aggiungiamo noi , ha un costo umano e personale altissimo , costo che poi andrà ad aggravare la spesa sociale .

Despite that headache is felt at some time by nearly everybody, and almost half the world’s adults at any one time have recent personal experience of one or more of the three very common headache disorders, much is unknown about the public-health impact of these conditions. It is not known how, or how much, they affect many of the populations of the world, or how healthcare and other resources are utilized to mitigate their effects. This first global enquiry into these matters illuminates the worldwide neglect of a major public-health problem, and reveals the inadequacies of responses to it in countries throughout the world. The Atlas of Headache Disorders presents data acquired by WHO in collaboration with Lifting The Burden: the Global Campaign against Headache. Most of the information was collected in a questionnaire survey of neurologists, general practitioners and patients’ representatives from 101 countries, performed from October 2006 until March 2009. Epidemiological data were compiled from published studies through a systematic review, and supplemented by data gathered in population-based studies undertaken within the Global Campaign.” –Publisher website

  • Il testo insiste su quanto trascurata sia questa malattia, perchè E’ UNA MALATTIA .
  • Introduction. Headache disorders
  • Epidemiology and burden
  • Barriers to care
  • Purpose of the atlas of headache disorders
  • Methods. Questionnaire development

In questo testo dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità si evidenzia un argomento molto interessante – Le  barriere che si erigono contro le corrette cure della cefalea , incluso il “MAL DI TESTA FORTE” , di cui appare evidente la limitazione imposta a livello produttivo , sociale e affettivo

MA c’ e da dire ancora,  e non è cosa da poco,  che …

  

2. “Il MAL DI TESTA  E’ LA TERZA CAUSA DI DISABILITA’ LAVORATIVA SOCIALE NEL MONDO”

 

CHI L’HA DETTO?    IL GLOBAL BURDEN OF DISEASE

 

The Global Burden of Disease Study (GBD) is the most comprehensive worldwide observational epidemiological study to date. It describes mortality and morbidity from major diseases, injuries and risk factors to health at global, national and regional levels. Examining trends from 1990 to the present and making comparisons across populations enables understanding of the changing health challenges facing people across the world in the 21st century.”

 

Con il termine Global Burden of Disease (GBD) si intende l’organo preposto alla  valutazione dell’effetto che  le patologie hanno sulla popolazione mondiale

 

2. “Headache is the third leading cause of disability in the world”

Three years ago, the medical journal Lancet published the third Global Burden of Disease (GBD) study (GBD 2010). We wrote then of the political significance, and promise, of this report for people with headache. Migraine, an under-recognised, under-treated headache disorder affecting one in six adults, was according to this authoritative study the seventh highest cause of disability worldwide. Policy-makers must surely take note.

Recently there was more, of even greater importance, from GBD2013. Published again in Lancet, its findings on headache were threefold: migraine is now the sixth highest cause of disability worldwide; medication-overuse headache (MOH), included in GBD for the first time, enters the top twenty causes at 18th; headache disorders together are the third cause of disability worldwide (see Table).

Migraine (6th) and medication-overuse headache (18th) together account for 38,744,000 YLDs, putting headache disorders collectively in 3rd place.

Dalla tabella appare evidente che il mal di testa  è più disabilitante  del diabete  e di molti problemi psichiatrici considerati  quasi o completamente incompatibili con una vita lavorativa, peggio di problemi dell’artrite e di altri problemi osteo-tendinei , e di importanti problemi di vista.

2. Headache disorders are third cause of disability worldwide

Timothy J. SteinerGretchen L. BirbeckRigmor H. JensenZaza KatsaravaLars J. Stovner, and Paolo Martelletti

J Headache Pain. 2015; 16: 58.

J Headache Pain. 2016; 17(1): 104.

Published online 2016 Nov 14. doi:  10.1186/s10194-016-0699-5

GBD 2015: migraine is the third cause of disability in under 50s

Timothy J. Steiner,1,2 Lars J. Stovner,1,3 and Theo Vos4

Headache is the third leading cause of disability in the world

Three years ago, the medical journal Lancet published the third Global Burden of Disease (GBD) study (GBD 2010). We wrote then of the political significance, and promise, of this report for people with headache. Migraine, an under-recognised, under-treated headache disorder affecting one in six adults, was according to this authoritative study the seventh highest cause of disability worldwide. Policy-makers must surely take note.

Recently there was more, of even greater importance, from GBD2013. Published again in Lancet, its findings on headache were threefold: migraine is now the sixth highest cause of disability worldwide; medication-overuse headache (MOH), included in GBD for the first time, enters the top twenty causes at 18th; headache disorders together are the third cause of disability worldwide (see Table).

 

In sostanza Thimoty Steinert e i suoi collaboratori , nel 2015, vagliano studi e statistiche  che riguardano la frequenza del mal di testa senza star ad evidenziare se si tratti di forme che vengono definite dalle strutture sanitarie come “forti” o “meno forti” . Ne emerge che nel periodo che va da 2011 al 2015 la cefalea si piazza al terzo posto tra tutte le malattie che inducono disabilità, quindi va a pari livello , per disabilità sociale e lavorativa con malattie che risultano essere molto più d’impatto sull’opinione popolare, sulla sensibilità dei comuni cittadini quali il diabete, pesanti condizioni psichiatriche, patologie , osteoartrite, deficit di udito e problemi di vista mal correggibili .

DATI ISTAT DEL 2005  rilevati da 60.000 famiglie italiane rilevavano che il mal di testa cronico era presente nel 10,4 della popolazione maschile e nel 4.7 della popolazione femminile .

Ribaltando così il dato presunto del mal di testa come problema al femminile ma ribadendone il peso economico per l’individuo e per il paese

MA…

…c’ è  anche da aggiungere che il mal di testa forte e frequente,  taglia le aspettative di inserimento nello studio  nel  lavoro ai giovani e negli adolescenti che non sono computati come forza lavorativa  , quindi non considerati in questi studi.

Questa è una grandissima pregiudiziale sul futuro del singolo individuo e della società.

E’ dall’ inizio degli anni 2000 che il nostro gruppo ha cercato di  attrarre l’attenzione del mondo scientifico su coloro che storicamente non hanno voce, cioè i giovanissimi, gli adolescenti  sottolineando come il numero dei mal di testa cronici disabilitanti stesse crescendo a dismisura

Nicolodi M , Sicuteri F, Torrini A. Prevalence and features of chronic migraine in children in the period 1993-1995 versus the period 2001-2003, claim for aid (La numerosità dei soggetti con cefalea cronica infanto-giovanile nel periodo 1993-1995 confrontata a quella del periodo 2001-2003:una richiesta d’aiuto) . J Headache and Pain , 2004

L’aiuto che chiedevamo era soprattutto mirato all’ abbattere le barriere che si erigono  contro la corretta diagnosi e terapia che restano un argomento cruciale ad oggi trattato nell’ “Atlas of Headache a Neglected Disease”

 

  • Introduction. Headache disorders
  • Epidemiology and burden
  • Barriers to care
  • Purpose of the atlas of headache disorders
  • Methods. Questionnaire development

 

Pharmacotherapy. 2004 May;24(5):638-48.

Migraine headache misconceptions: barriers to effective care.

Wenzel R1Dortch MCady RLofland JHDiamond S.

Author information

Abstract

Migraine headaches affect 12% of the adult population in the United States and cause a significant economic loss due to decreased workplace productivity Although interactions between pharmacists and individuals with headache are common, few pharmacists receive adequate training regarding migraine therapy. We refute several hinder effective care,  it is assumd  that migraine is a vascular disease, sinus and tension headaches are prevalent, and migraine is a minor economic problem. Our pathophysiologic understanding demonstrates that migraine is a neurologic process , of which vascular effects are secondary. This process can result in a myriad of clinical signs and symptoms, often leading to a misdiagnosis of sinus or tension headache……

Utilizziamo le parole di Wenzel per dire che  in USA si fa tanta confusione tra sinusite e vera cefalea, se in USA si resta a pensare che la cefalea ha un meccanismo vascolare come diceva wolff  prima della seconda Guerra mondiale mentre ora si sa che si deve parlar di neuroni , da noi non va certo meglio  . Di certo però in ambedue le aree del mondo questo porta solo a spendere inutilmente soldi e a perdere salute .

Avevamo precedentemente condotto un’osservazione insieme al Dipartimento di Scienze dell’ Università di Firenze, a mezzo di questionari ,  osservazione che aveva portato a concludere che i “media” a metà degli anni ’90  non erano riusciti a produrre adeguata divulgazione circa il corretto approccio alla diagnosi e alla terapia del mal di testa, né forte , né di media severità

La “comunicazione mediale” nemmeno era riuscita a far passare un messaggio circa il meccanismo che genera il mal di testa ed il fatto che il mal di testa è un problema maggiore nella vita economica di molti individui ,  quindi nella vita del paese .

Il fatto che sia stato pubblicato un Atlas che si intitola “HEADACHE A NEGLECTED DISEASENON HA MOSSO LO STATO DELLE COSE PIU’ DI TANTO .

Questo negligere, disconoscere l’importanza e l’impatto della cefalea forte o frequente sulla spesa individuale e sulla spesa sociale conduce al risultato , poco augurabile, di far frantumare l’attenzione contro una miriade di segni e sintomi che vengono utilizzati come unici segni per la diagnosi , con il risultato che una diagnosi di cefale viene svilita in mille diagnosi e mis-diagnosi .

Nicolodi M, Sicuteri F, . Media and headache: the partial flop of national medical media information. Funct. Neurol (11) 2/3: 119-120, 1996.

Resta ad oggi il fatto che  veniamo spesso interpellati da persone che hanno perduta ogni speranza di  terapia curativa che riesca almeno a controllare il loro dolore per permettere una vita  “ quasi normale a livello lavorativo e di studio, sociale, e affettivo. Questi sofferenti, ormai convinti di aver fatto tutte le cure possibili ci chiedono solo cosa resta loro da fare a livello legale per avere qualche riconoscimento o emolumento .

Di seguito elenchiamo tutto quanto possibile sino a questa data 2018 :

- deve essere il medico curante a valutare se la cefalea o l’emicrania sono così intense da risultare incompatibili con l’attività lavorativa;

-  inoltre, in determinati casi, il medico può anche valutare l’opportunità di fare domanda perché ti sia riconosciuta l’invalidità. Il paziente dovrà documentare con ricette, documenti di ricovero, etc

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di fare chiarezza  …

- Cefalea: che cos’è ?

La cefalea primaria, pur non essendo una patologia che causa morte o deficit neurologici, può manifestarsi comunque in una forma talmente grave da compromettere seriamente la qualità della vita del malato in ambito familiare, lavorativo e sociale. .

A tal proposito, il servizio sanitario della Lombardia, prima regione in Italia, ha riconosciuto la valutazione percentuale delle cefalee nell’ambito dell’invalidità civile.

- Emicrania: che cos’è ?

L’emicrania è un tipo di cefalea che presenta delle particolarità. Nel dettaglio, il dolore deve durare tra le 4 e le 72 ore e presentare almeno due delle seguenti quattro caratteristiche:

  • essere localizzato solo da una parte della testa;
  • risultare di tipo pulsante;
  • essere percepito come mediamente o molto intenso;
  • risultare aggravato da attività fisiche di routine come camminare o salire le scale;
  • a queste caratteristiche possono aggiungersi nausea o vomito, fotofobia (fastidio alla luce) e fonofobia (fastidio al rumore).

L’emicrania può essere con o senza aura: quando l’emicrania è con aura, si presentano disturbi visivi, motori, della parola e della sensibilità e motori, solitamente durano tra i 20 e i 60 minuti, per poi lasciare spazio alla comparsa del mal di testa.

Cefalea e emicrania: assenza per malattia

Se hai difficoltà a svolgere la tua attività lavorativa per via dell’emicrania, o del diverso tipo di cefalea, la prima cosa da fare è recarti dal tuo medico curante.

Questi, dopo una visita, sarà in grado di stabilire se la gravità dei tuoi dolori alla testa è tale da essere incompatibile con lo svolgimento della tua attività lavorativa e ad assegnarti i dovuti giorni di riposo. A tal proposito, deve trasmettere telematicamente all’Inps il certificato di malattia e fornirti il numero di protocollo, che dovrai inviare al datore di lavoro.

Cefalea ed emicrania: visita fiscale

Come per tutte le assenze per malattia, in quanto lavoratore dipendente sei tenuto alla reperibilità durante le fasce orarie previste per la visita fiscale:

Generalmente, ci si può allontanare dal proprio domicilio, durante le fasce di reperibilità per la visita fiscale, solo se l’assenza è dovuta all’effettuazione di terapie o visite specialistiche (per le quali si deve comunque avvertire l’azienda e fornire idonea attestazione), oppure se l’assenza è necessitata.

Visto che cefalea ed emicrania, però, a differenza delle ordinarie patologie, possono peggiorare a causa della permanenza in luoghi chiusi, come appunto l’abitazione, non potrai essere sanzionato nel caso in cui ti rechi ad effettuare attività all’aperto, anche di svago, durante il periodo di malattia: è quanto affermato da una recente sentenza della Cassazione [1]. La disposizione, in particolare, chiarisce che, per determinate patologie, le attività ludiche all’aperto non compromettono la guarigione ma possono, al contrario, aiutarla. Per questo motivo, non è meritevole di sanzione il lavoratore assente per malattia che effettua attività di svago, se la patologia trae giovamento dalle attività stesse. Basta che l’indicazione allo svolgere un certo tipo di attività all’aperto, che ovviamente no potrà esser la corsa per l’emicrania etc, sia attestata dallo specialista .

Cefalea e invalidità

Per quanto riguarda il riconoscimento dell’invalidità a causa della cefalea, come già esposto , questo è possibile non solo quando la cefalea è la conseguenza di un’altra patologia (quindi nel caso in cui, in parole semplici, l’invalidità sia riconosciuta per la malattia che causa il mal di testa), ma anche quando si tratta di cefalea primaria cioè di mal di testa

  • dallo 0 al 15%, per forme episodiche a frequenza di attacchi medio-bassa e soddisfacente risposta al trattamento;
  • dal 16 al 30%, per forme episodiche a frequenza di attacchi medio-alta e scarsa risposta al trattamento e forme croniche con risposta parziale al trattamento
  • dal 31 al 46%, per forme croniche refrattarie al trattamento: dal 45% in su, l’invalidità consente di rientrare nelle categorie protette per il lavoro.

Se  esiste ansia o depressione  può essere che il paziente venga prima invitato a “terapizzare” le  2 patologie sovra-menzionate qualora la terapia delle stesse non sia adeguata  e quindi ripetere successivamente la visita .

 

Cefalea ed emicrania: assenza per cure ricorrenti

Se il trattamento della cefalea o dell’emicrania richiede cicli di cura ricorrenti, cioè terapie ambulatoriali alle quali devi sottoporti periodicamente, puoi assentarti, anche in questo caso, per malattia.

Il medico può certificare separatamente ogni ciclo di cura, oppure rilasciare una documentazione unica, che attesti la necessità di terapie ricorrenti: in quest’ipotesi, il trattamento successivo viene qualificato come ricaduta del precedente, proprio come la ricaduta della malattia.

Il certificato medico, nel dettaglio, deve essere inviato all’inizio della terapia, con l’indicazione delle date in cui avverranno le prestazioni; una volta effettuate le cure, la struttura sanitaria deve rilasciare una dichiarazione che ne provi l’esecuzione, diversamente l’assenza non può essere indennizzata.

I giorni che intercorrono tra una cura e la successiva, invece, se non debitamente certificati come malattia non sono indennizzabili.

 

In questo periodo nessuno è stato fermo ad aspettare miracoli, questa Fondazione ha proceduto a una richiesta di referendum nazionale abrogativo sui criteri di stima dl danno in medicina legale, ma non siamo arrivati al quorum in tempo utile – bisogna esser veloci ed aver buoni canali di comunicazione. Non siamo dei politici, ma se qualche sofferente più dotato di strumenti  in tal senso ci aiuta, forse ce la potremmo fare, forse .

 

Altri hanno proposto interrogazioni

- Cos’è un’interrogazione al Ministero?

L’interrogazione parlamentare è la domanda che uno o più parlamentari rivolgono al governo nel suo complesso o a un singolo ministro per essere informati sulla veridicità di un fatto o di una notizia e sui provvedimenti che il Governo intende adottare o ha già adottato in merito.

Il governo ha la facoltà di non rispondere alla singola interrogazione indicando però il motivo.

Una volta ottenuta la risposta l’interrogante può a sua volta replicare per dirsi o meno soddisfatto.

L’interrogazione parlamentare si usa per aver informazioni su questioni che riguardino comportamenti o intenzioni – quindi l’indirizzo politico - del governo

 

Interrogazione al Ministero della Salute in merito all’inserimento della Cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali

Apprendiamo con rinnovata speranza che in data 23/3/2017 le Onorevoli Giuditta Pini e Paola Boldrini hanno presentato alla Camera una Interrogazione a risposta in Commissione Affari Sociali indirizzata al Ministero della Salute per chiedere se il Ministro abbia intenzione di assumere iniziative per inserire la cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali. In attesa di positivi aggiornamenti, pubblichiamo il testo integrale della interrogazione.

 

ATTO CAMERA
INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/10938
Dati di presentazione dell’atto
Legislatura: 17
Seduta di annuncio: 765 del 23/03/2017
Firmatari
Primo firmatario: PINI GIUDITTA 
Gruppo: PARTITO DEMOCRATICO
Data firma: 23/03/2017
Elenco dei co-firmatari dell’atto
Nominativo co-firmatario Gruppo Data firma
BOLDRINI PAOLA PARTITO DEMOCRATICO 23/03/2017

Destinatari
Ministero destinatario:
MINISTERO DELLA SALUTE
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA SALUTE delegato in data 23/03/2017
Stato iter: IN CORSO
Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-10938
presentato da
PINI Giuditta
testo di
Giovedì 23 marzo 2017, seduta n. 765

GIUDITTA PINI e PAOLA BOLDRINI. — Al Ministro della salute . — Per sapere – premesso che: l’Istituto nazionale di statistica (Istat) ha rilevato che tra le malattie croniche più diffuse tra la popolazione, è stata indicata anche la cefalea o l’emicrania, che interessava il 10,5 per cento della popolazione maschile rispetto al 4,7 per cento rilevato nella popolazione femminile, da inserire nelle patologie croniche con maggiore incidenza, quarta solo dopo l’artrosi, l’ipertensione arteriosa e le malattie allergiche; le cefalee e le emicranie hanno un costo sociale ed economico ingente. La cefalea cronica, in particolare, è una malattia invalidante in grado di limitare o compromettere severamente la capacità di far fronte ai propri impegni di famiglia e di lavoro;
sono state recentemente approvati i nuovi livelli essenziali di assistenza, che sono lo strumento fondamentale per definire compiutamente le prestazioni erogabili dal Servizio Sanitario Nazionale; nelle osservazioni prodotte dalla commissione parlamentare competente chiamata a valutare l’Atto Governativo 358 si era inserito anche la richiesta di valutare l’opportunità di inserire la cefalea primaria cronica nell’allegato 8 contenente l’elenco delle malattie e della relative prestazioni sanitarie che hanno diritto all’esenzione dalla partecipazione al costo;
sono depositati in Parlamento dei disegni di legge in entrambe le camere, che richiedono l’inserimento della cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali –: se il Ministro interrogato abbia intenzione di assumere iniziative per inserire la cefalea primaria cronica nell’elenco delle malattie sociali. (5-10938)

Atto della Camera

 

Giuditta PINI (PD). l’Istituto nazionale di statistica (Istat) ha rilevato che tra le malattie croniche più diffuse tra la popolazione, è stata indicata anche la cefalea o l’emicrania, che interessava il… presentato il: 23/03/2017. link alla fonte. ultimo status: 23/03/2017 Camera: MODIFICATO PER COMMISSIONE ASSEGNATARIA.


Riconoscimento della Cefalea Cronica come Malattia Sociale

In data 3 ottobre 2013 è stato presentato al Senato della Repubblica un nuovo disegno di legge, su iniziativa di 16 Senatori, per il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale.

Il disegno di legge mirava ad avere uno stanziamento di danaro per la presa in carico di alcuni tipi di cefalea
DDL N. 1077 del 3 ottobre 2013

Con disegno di legge (ddl), si intende una proposta di legge (pdl), nel diritto, si concreta nello stendere un testo con cui si progetta l’emanazione di un atto normativo. Il testo è proposto da soggetti qualificati , di norma I parlamentari .

 

More

Ereditarietà: ruolo nella cefalea

Emicrania ed eredo familiarità
L’emicranio è una patologia multifattoriale, resta peraltro confermato il ruolo della eredo familiarità ed ereditarietà
Di seguito dati scientifici pubblicati in proposito

Dati e lavori personali degli afferenti alla Fondazione Sicuteri-Nicolodi
- Nicolodi M, Sicuteri F. Systemic vascular hyperalgesia: a genetic index of dysnociception.Workshop “Autoanalgesia and its dysfunctions”, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Firenze 17 dicembre 1993
- Nicolodi M, Sicuteri F. Heterotopic visceral hyperalgesia strongly supports the inheritable central nature of migraine. Cephalalgia 15 (14): 72, 1995
- Nicolodi M, Coppola G, Sicuteri R, Sicuteri F. Visceral pain heritability in migraineours blood akins. IASP 7th World Congress on pain, Paris, August 22-27, 1993, p 12
- Nicolodi M. The detection of third hyperalgesia in man. 8th World Congress “The pain Clinic”May 6-10, 1998, Santa Cruz de Tenerife -Spain, plenary lecture
- Nicolodi M, Sicuteri F. The detection of inheritable, pain independent “third hyperalgesia”. In: J:A: De Vera, W. Parris, S.Erdine (Eds:) Management of pain : A world perspecive, Bologna: Internat Proc. Div. Monduzzi, Vol.3 pp 352-359, 1988
- Gerola S., Battistini S, Stenirri S, Nicolodi M, Arnetoli G, Canova S, Binelli G. Bernardi A, Balan S, Ferrari M, Carrera P. CACNA1A gene non-synomynous single nucleotide polymorphism and common migraine in Italy: a cas-controll association study wth a micro-array technology. Clin. Chem Lab. Med 47(6): 783-5, 2009

Dall’estero
Only the rare condition familial hemiplegic migraine has an autosomal dominant pattern of inheritance. There is undoubtedly a familial link

The inheritance of migraine with aura estimated by means of structural equation modelling
V. Ulrich, M. Gervil, K. Kyvik, J. Olesen, and M. Russell
Department of Neurology, Glostrup Hospital, University of Copenhagen, Denmark.
This article has been cited by other articles in PMC.
Abstract
Studies of migraine with aura (MA) have shown familial aggregation of the disorder, which cannot be explained by simple mendelian inheritance. The interest in a genetic basis for the disorder has increased after identification of three genetic loci for familial hemiplegic migraine (FHM), which is a rare subtype of MA with autosomal dominant inheritance. Both genetic and environmental factors seem to be important in the expression of MA.
Genetics of Migraine
Genetics of Migraine: An Update
Kathy L. Gardner, MD
Observations including the long-recognized tendency of migraine to run in families, the high concordance rates
for migraine in twins reared together or apart, and the association of specific mutations with a rare migraine form
are consistent with a genetic contribution to the disorder. This
The genetics of migraine.
Ducros A, Tournier-Lasserve E, Bousser MG.
Source
Headache Emergency Department, Lariboisière Hospital, Paris, France. anne.ducros@lrb.ap-hop-paris.fr
Abstract
The search for genes involved in the pathophysiology of migraine poses major difficulties. First, there is no objective diagnostic method to assess the status of the individuals studied. Second, migraine is a polygenic multifactorial disorder. Familial hemiplegic migraine (FHM) is the only known autosomal dominant subtype of migraine. In half the families with FHM who have been studied, there are mutations in the calcium-channel gene CACNA1A, located on chromosome 19. In other families, a locus has been mapped on chromosome 1. The role of these loci in typical migraine is still unknown. A susceptibility locus for migraine with aura has been located on chromosome 19 (but is distinct from CACNA1A) and a genome-wide linkage analysis has mapped a susceptibility locus on chromosome 4. Another locus for migraine may be on the X chromosome. Finally, many positive association studies have been published, but few have been replicated.

More

Cefalea: Salviamo i bambini

SALVIAMO I BAMBINI

Contributi da parte di afferenti alla Fondazione
Nicolodi M, Sicuteri F. 5 L-hydroxytryptophan can prevent nociceptive disorder in man ( 5 L- idrossitriptofano ha la capacità di prevenire patologie dolorose nell’essere umano) : In Heuter G et al (eds) Tryptophan, serotonin and melatonin. Advances in experimental Medicine and Biology, vol 467, 2000

Nicolodi M, Sicuteri F. Acetil- L- carnitine in behaviour and prophylaxis of migraine in children and preadolescents (acetil-L carnitina nel comportamento e nella profilassi dell’ emicrania nei bambini e nella preadoloscenza) . Cephalalgia 20(4) , 2000

Nicolodi M , Sicuteri F, Torrini A. Prevalence and features of chronic migraine in children in the period 1993-1995 versus the period 2001-2003, claim for aid (La numerosità dei soggetti con cefalea cronica infanto-giovanile nel periodo 1993-1995 confrontata a quella del periodo 2001-2003:una richiesta d’aiuto) . J Headache and Pain , 2004

M Nicolodi, Torrini A . CNS basic defect: its non invasive measurement in childrenJ ( Alterazione del CNS evidenziate con sistema non invasivo nei bambini) Headache and Pain, 2004

M Nicolodi, A Torrini Eating disorders in children and adolescents suffering from migraine: the need to watch over (Disturbi dell’ alimentazione nei bambini e negli adolescenti emicranici: necessità di sorveglianza) J Headache and Pain, 2004

DALLA CONVENZIONE DELL’ ONU SUI DIRITTI DELL’ INFANZIA

NOTA nella convenzione viene usato il temine “children” che dovrebbe essere tradotto in “bambini e adolescenti” e descrive gli individui d’età inferiore ai 18 anni (ex. articolo 1) . Qui tradurremo il termine con “bambini e ragazzi”.

TUTELE

1- Diritto alla vita (ex articolo 6)
2- Diritto alla salute (ex articolo 24)
3- Diritto d’esprimere la propria opinione (ex articolo 12)
4- Diritto di essere informati (ex articolo 13)
5- Diritto a ricevere, in via primaria, tutela degli interessi in ogni circostanza (ex articolo 3)

Questi i diritti tutelati che ci impongono monitoraggi periodici delle condizioni. Monitoraggio che noi redigiamo per quanto riguarda le patologie di nostra pertinenza così come per le patologie dipendenti e da queste e le comorbilità quali i disturbi del comportamento e della condotta sociale

L’ultimo aggiornamento pubblicato era pertinente
- L’impennata drammatica della forma cronica nei ragazzi *
- I disturbi dell’alimentazione nei ragazzi cefalalgici *
- Prevalenza di comportamento sociale e familiare aberrante nei ragazzi cefalalgici

In particolare, la pubblicazione dei dati che registravano un drammatico incremento di cefalea cronica nei ragazzi si sono associati ad una richiesta d’aiuto presso tutti : Enti pubblici e privati. Qualsivoglia intervento ci pareva importante poiché eventi così rilevanti durante la vita scolastica e spesso entro il periodo della scuola dell’ obbligo abbiamo visto cambiare fondamentalmente le scelte dei ragazzi ed il loro approccio con la vita. Questo si chiama cambiare il destino d’un ragazzo e non certo in senso positivo. Se si cambia in senso negativo il destino di molti ragazzi si cambia in negativo il domani. Non vogliamo renderci colpevoli e continuiamo la nostra missione di rilevamento dei danni, di denuncia dei danni. Perché se interviene cefalea di una qualche serietà vi sono indotti negativi certi
- i ragazzi affetti perdono rendimento scolastico e/o sociale
- intervengono alterazioni nei rapporti interpersonali e la gestione di se stessi diversifica in senso negativo
- si possono configurare manifestazioni caratteriali /sociali aberranti

Tutta questa cascata d’eventi potrebbe essere fermata all’ origine prevenendo ogni evento poiché esiste la possibilità di stabilire, anche se in modo non definitivo, la predisposizione del ragazzo. Ricordiamo di fatti che questa è una patologia eredogenetica.

Ricordiamo ancora che abbiamo validato mezzi per prevenire tale evento in età giovanissima. Tali studi , che abbisognano di oltre 20 anni per aver concretezza sono stati condotti su un campione di oltre 500 ragazzi. I risultati ci dicono che abbiamo aperto una strada che non è remunerativa ma che salva molti giovanissimi destini.
I ragazzi sono il domani del mondo, questo ci pare abbastanza remunerativo

I nostri sono i bambini del mondo quanto gli altri Nell’aiutarli aiuteremo le speranze di un domani migliore

IL MODELLO DELLA LOTTA PER LA SOPRAVVIVENZA
L’aggressivita come condizione per ottenere il primato è uno dei capisaldi della nostra società. In effetti già fin dalle prime classi scolastiche il bambino impara l’importanza del giudizio che discrimina ed è da qui che scaturisce una gerarchizzazione che si basa sull’intelligenza e ancor più sulla prontezza, sulle capacità. Il bambino, il ragazzo presto impara che bisogna partire bene armati o, ad ogni modo, armarsi per sopravvivere. Questo punto di vista trova molte e differenti radici
Intanto deriva dall’ evoluzionismo darwininano in cui è stabilito che l’emergere è riservato ai più forti, ai più adatti all’ambiente. Stimoli analoghi sono giunti dal marxismo per cui si è propugnata la lotta per l’elevazione della classe sottomessa e questo ha dato vita a maggior aggressività nelle classi di elité. Anche per certa psicanalisi l’aggressività è insita già nel bambino.
IL MODELLO DELLA VOLONTA’ ALLA PROTEZIONE
Ci proponiamo qui di non puntare sui fattori che disaggregano e tra questi la malattia che crea casta e razza diverse: i sani e i malati, chi ha un futuro, chi invece ha un futuro in pericolo, chi può e chi poi non potrà
Ci proponiamo come soggetti che agiscono per il massimo inserimento sociale in due modi. In primo luogo facendo leva sul tessuto sociale e familiare. In secondo luogo facendo sì che gli adolescenti evolvano un rapporto di protezione verso i più piccoli poiché solo un ragazzo infine può conoscere con sicurezza il cuore, la voglia di vita, il timore, le paure di un bambino.
Noi possiamo essere lo strumento attraverso cui la discriminazione “sano contro malato potente contro impotente” non avvenga, ma quando la malattia è in atto desideriamo che vi sia la tutela di un ragazzo che sia vicino al bambino , pronto a far gruppo con il bambino perché questi si senta sempre, anche durante la cura, accompagnato da chi sa tutto del suo linguaggio e non pretende niente.
Molti adolescenti, molti ragazzi sono pronti a difendere con noi i bambini perché non si sentano soli o facili da aggredire. A noi adulti la responsabilità di ascoltare i problemi prima che divengano discriminazione sociale.

More

Rischio Cardio e Cerebrovascolare nell’Emicrania

DATI E CONTROVERSIE

In Europa e in USA questa linea di ricerche ha avuto ampissima risonanza, specialmente per quanto riguarda le lesioni evidenziabili a livello della sostanza bianca nel cervello. In USA si sono aperti molti blog che sottolineavano come l’emicrania non fosse più a lungo da considerarsi mero dolore ma una malattia neurologica che compromette l’organicità cerebrale. Si arriva forse all’allarmismo certo è che tali lesioni son presenti. Posson esser riportati alla spreading depression e quindi alla successiva reperfusion injury. Di sicuro, al momento, ci indicano la necessità di curare l’emicrania come vera malattia.
Se nel settore delle lesioni cerebrali le nostre osservazioni sono in linea con quelle realizzate in Europa ed in USA, i problemi cardiovascolari ci sembrano legati a una diatesi disfunzionale vegetativo dolorosa che ha un largo ventaglio di espressioni a cominciare dalla cosiddetta angina X. Inoltre, non concordiamo sul fatto che i triptani possan provocare angor o infarto miocardico se non in soggetti predisposti. A quanto diciamo si può obiettare che i cefalalgici potrebbero in realtà essere , anche per quanto noi stessi abbiamo detto, dei soggetti predisposti
Dati e lavori personali degli afferenti alla Fondazione Sicuteri-Nicolodi
Sicuteri F, Nicolodi M. A human model of reperfusion injury-Relevance of the mechanism in plegic migraine. Abstract of Symposium “Cerebral Ischemia”, Wenner Gren Foundation, Stockholm, 25-27 October 1994
Nicolodi M, Sicuteri F. Il dolore anginoso in assenza di positività elettrocardiografica e coronarografica. Il ruolo della iperalgesia e del deficit dei sistemi sopraspinali di controllo del segnale sensitivo/algogeno viscerale. Atti del XCVI Congresso della Società Italiana di Medicina Interna, Roma 12-15 Ottobre, 1995
Nicolodi M. Chest pain and sumatriptan: a disagreeable sensation or a witness for prosecution? Cephalalgia 16 (5): 397, 1966
Nicolodi M. Gender and region difference in side-effects induced by sumatriptan. Cephalalgia 16 (5): 396, 1996
Nicolodi M, Pettinati G, Portone F, Sicuteri F. Systemic visceral hyperalgesia in the mechanism of chest pain-The interaction of homotopic and generalised visceral hyperalgesia in the worsening of chest pain and angina” 8th World Congress”The pain Clinic” May 6-10, 1998, Santa Cruz de Tenerife -Spain, plenary lecture
Nicolodi M, Pettinati G, Portone F, Sicuteri F. First demonstration of generalised visceral hyperalgesia in angina sufferers: its possible activity in the crescendo of the disease. In: J:A: De Vera, W. Parris, S.Erdine (Eds:), Management of pain : A world perspecive, Bologna: Internat Proc. Div. Monduzzi, pp 473-476, 1988
M. Nicolodi , Torrini A. Severe migraine, silent brain lesion, and dementia. Cephalalgia 26, 1316, 2006
Nicolodi M, Fanfani F, Torrini A. Cortical atrophy and memory deficits in 4 clusters of chronic migraine sufferers: a 6 years’ observation . Cephalalgia 7(6): 598, 2007

Dall’Estero
Migraine as a Risk Factor
for Subclinical Brain Lesions
Mark C. Kruit, MD
Mark A. van Buchem, MD, PhD
Paul A. M. Hofman, MD, PhD
Jacobus T. N. Bakkers, MD
Gisela M. Terwindt, MD, PhD
Michel D. Ferrari, MD, PhD
Lenore J. Launer, PhD

MIGRAINE IS A COMMON,
chronic, multifactorial
- neurovascular disorder
Is Migraine a Progressive Brain Disease?
1. Richard B. Lipton, MD;
2. Jullie Pan, MD, PhD
[+] Author Affiliations
1. Author Affiliation: Departments of Neurology, Epidemiology and Public Health (Dr Lipton) and Neuroscience (Dr Pan), Albert Einstein College of Medicine, Bronx, NY.
Since this article does not have an abstract, we have provided the first 150 words of the full text.
KEYWORDS:
• cerebral infarction,
• migraine.
In this issue of THE JOURNAL, Kruit and colleagues1 provide important new data on the prevalence of brain infarction and white matter lesions in persons with migraine. The authors systematically recruited individuals with migraine with aura and migraine without aura as well as group-matched controls without migraine from the general Dutch population.

Migraine and Ischaemic Heart Disease and Stroke: Potential Mechanisms and Treatment Implications
1. E Gretchen and
2. MD Tietjen
1. Gretchen E. Tietjen, 3120 Glendale Avenue, RHC 1450, Department of Neurology, The University of Toledo-Health Science Campus, Toledo, OH 43614, USA. Tel. +1 419 383 6187; fax +1 419 383 3093; e-mail gretchen.tietjen@utoledo.edu
Abstract
The migraine-ischemia relationship is best understood in the context of the pathophysiology of migraine. Potential mechanisms of migrainous infarction (stroke occurring during migraine) include vasospasm, hypercoagulability, and vascular changes related to cortical spreading depression. Stroke occurring remote for the migraine attack may be related to arterial dissection, cardioembolism, and endothelial dysfunction. Endothelial dysfunction, a process mediated by oxidative stress

More

Meccanismi Differenziali tra Emicrania e Cefalea Tensiva

Cefalea Tensiva: Clinica  e ;Meccanismo

Tension-type headache
Caratteristiche Cliniche

  1. Almeno 10 episodi   meno di 180 giorni all’anno  e di 15 al mese
  2. Cefalea che dura da 30 min a 7 giorni
  3. Le seguenti caratteristiche:
    1. Dolore Compressivo, mai di qualità pulsante
    2. Severità da media a moderata: cioè non proibitiva rispetto ad alcuna attivitò
    3. Localizzazione non unilaterale
    4. Nessun incremento del dolore per azioni fisiche come scuotere la testa, camminare, salire le scale o attività similari
  4. Devon comparire inoltre:
    1. Assenza di nausea
    2. Può esser presente solo uno dei due tratti  a seguito descritti:  fastidio alla luce o fastidio ai rumori
    3. Inoltre tale forma risponde ai barbiturici ed agli oppioidi che perà espongono a cronicizzazione

I meccanismi della cefalea tensiva differiscono da quelli dell’emicrania. Questa è la ragione fondamentale per adire alla spiegazione di terapie sia in acuto , che di fondo assolutamente differenziate per le due forme menzionate. Per molto tempo si è pensato necessario un coinvolgimento dei muscoli o l’intervento di fattori di tensione psichica. Ad oggi vi son dati che mettono in luce il ruolo della tachichinina CGRP come anche di fenomeni di sensibilizzazione centrale , a livello quindi del Sistema Nervoso centrale con pertinenmza alle vie di trasmissione del segnale sensitivo/algogeno
E’ quindi, questo tipo di cefalea, all’origine di molta discussione. E’ in effetti dibattuta quale entità e di questo si ha chiara immagine quando si va ad appurare che, col variare degli investigatori, la prevalenza di questa patologia può variare da circa il 20% al 70% della popolazione. Taqle alta variabiòlità sembra indice di un difetto nel sistema convalidato per la diagnodsi piuttosto che una variabilità da nazione a nazione. E’ comunque un dato disomogeneo che indica la necessità di chiara individuazione di una patologia che potrebbe esser valutata erroneamente.

Contributi dei membri afferenti alla Fondazione
- Sicuteri F, Nicolodi M. Visceral and somatic profiles of needless pain and nonpainful sensations in idiopathic headache. Clin. J. of Pain 7 (1): 38-43, 1991
- Nicolodi M, Volpe AR, Del Bianco PL, Sicuteri F. Inheritable and acquired hyperalgesia associated to abnormal opioid receptor set-up seem to act as opiate addiction prevetors, Int. J. Clin Pharmacol Res., XVII (2/3): 85-88, 1997
-

Dall’estero

Multiple Clinical and Paraclinical Analyses of Chronic Tension-Type Headache Associated or Unassociated With Disorder of Pericranial Muscles
1. Jean Schoenen,
2. Pascale Gerard,
3. Victor De Pasqua and
4. Jeannette Sianard-Gainko
+ Author Affiliations
1. Jean Schoenen, Pascale Gerard, Victor De Pasqua, Jeannette Sianard-Gianko, University Department of Neurology, Headache Unit, CHR Citadelle, Liege, Belgium;
1. Jean Schoenen
Abstract
Thirty-two female patients fulfilling the diagnostic criteria of chronic tension-type headache underwent multiple clinical (severity index before and after biofeedback therapy; anxiety score) and paraclinical (pericranial EMG levels and pressure-pain thresholds, temporalis exteroceptive silent period) assessments. Twenty-three patients (72%) had at least one increased EMG level and/or at least one decreased pain threshold and qualified for the subgroup “associated with disorder of pericranial muscles” (code 2.2.1). Nine patients (28%) were within the normal range for both investigations and would have been classified in the subgroup “unassociated with such disorder” (code 2.2.2). No significant differences were found between these two groups of patients for headache severity, anxiety, response to biofeedback therapy or duration of temporalis second exteroceptive silent period. The various clinical and paraclinical parameters were not significantly correlated to each other. It is therefore suggested that the subdivision of chronic tension-type headache in two subgroups based on pericranial EMG levels and/or pain sensitivity might be artificial. Since both of the latter and temporalis silent periods vary independently, they appear complementary in the study of tension-type headache patients and probably represent peripheral abnormalities, which are induced to varying intensities by a common central nervous system dysfunction

Analgesics combined with butalbital or opiates are often useful for tension-type pain but have an increased risk of causing chronic daily headache. Amitriptyline is the most widely researched prophylactic agent for frequent headaches. No large trials with rigorous methodologies have been conducted for most non-medication therapies. Among the commonly employed modalities are biofeedback, relaxation training, self-hypnosis, and cognitive therapy.
Tension-type headache, formerly called tension headache or muscle contraction headache, is a common condition usually self-treated with over-the-counter (OTC) analgesics

Cephalalgia Vol 19 Issue 6

Pathophysiological mechanisms of tension-type headache: a review of epidemiological and experimental studies

R Jensen*

Article first published online: 31 JUL 2009

DOI: 10.1046/j.1468-2982.1999.0190066

More